Fiabe e Frane

Le Fiabe per tutti

  • Fiabe e frane

    CIAO! Questo è il mio BLOG
    Mi chiamo Paolo Cortopassi e sono un geologo dal 1991. Lavoro nell'Alta Toscana nei settori della prevenzione sismica sugli edifici (terremoto) e del dissesto idrogeologico (frane).

    Dal 2004 ho iniziato a sviluppare la mia grande passione per le fiabe , che racconto nei miei spettacoli.

    Le mie storie parlano di animali, bambini, piante, naturalità dei luoghi, ma anche di situazioni difficili dovute al movimento di frane, alla forza delle inondazioni, al tremore dei terremoti...

    Con questo spazio voglio condividere i miei interessi con chiunque possa esserne interessato. Ciao.

    Qui sono con la mia famiglia a Londra.
    Londra 2007

  • Calendario

    agosto: 2018
    L M M G V S D
    « Giu    
     12345
    6789101112
    13141516171819
    20212223242526
    2728293031  
  • pagine nel blog

  • Alpi Apuane


    tramonto Apuane da Mulazzo
  • Articoli e Pagine più viste

  • Singoli Visitatori da gennaio 2018

  • Da marzo 2009

    • 52,189 pagine visitate
  • Annunci
  • Premio FIABE 2018

    Conclusa la SETTIMA edizione del Premio Fiabe Angeli di San Giuliano. Per informazioni cliccare sotto.

  • “Angeli di San Giuliano” 2018

  • Blog che seguo

  • Terremoto Lunigiana 1920

  • Articoli

  • W.a.y.f. ?

    Map

Le Befane Ritardatarie

Posted by Paolo su 7 gennaio 2016

Locandina

Il 6 gennaio 2016 presso le Grotte di Equi Terme, sono arrivate le BEFANE, ma prima di loro i RE MAGI hanno portato i doni al piccolo Gesù.

DSC_0046b

 

DSC_0061b

Eccoli i Magi!

DSC_0090b

Che spettacolo!

Poi sono arrivate le Befane ritardatarie; tutta colpa del Befano o Befanotto secondo altri, che ha fatto arrabbiare la moglie e preso randellate con la vecchia scopa della Befana.

DSC_0136

Fuggendo, fuggendo sono arrivati sotto la volta della Grotta e qui i due sposi riappacificati, hanno raccontato alcuni fatti della loro vita e…

DSC_0154

DSC_0186

… pure quella volta che s’incontrarono per la prima volta al ballo e non fu facile per il Befanotto superare la prova! Certo, vi riuscì proprio grazie all’erba petonella!

DSC_0206

All’improvviso dall’alto è poi calato un altro Befano, sicuramente dotato di speciali poteri, che ha gettato sui bambini canditi e liquirizie.

DSC_0257

DSCN9985

Mamma mia che paura!

DSC_0329

Meno male che anche lui era un Befanotto buono e ha fatto la gioia di piccini e grandicelli.

IMG_9134

Non si finisce mai d’incontrar befane!

Poi c’è stato anche il tempo per ristorarsi.

Dopo le fatiche, il piacere!

DSC_0353

Ah, quasi dimenticavo! Caramelle per tutti!

DSC_0239

Insomma uno splendido pomeriggio con Befane e tanti, tanti bambini; ma anche genitori e non possiamo non citare le acque del torrente Fagli, che alimentato dalle poderose sorgenti carsiche, hanno fatto del loro impetuoso scivolio verso valle, la COLONNA SONORA della manifestazione.

Ancora altre immagini, come le precedenti, scattate dall’instacancabile Matteo Tollini.

IMG_9129

DSC_0050

DSCN9972

Un grazie di cuore a Legambiente e alla Cooperativa AlterEco, organizzatori della manifestazione; al CAI di Fivizzano per le befane acrobatiche; a Erika Canaccini, per la splendida Befana; alle centinaia di persone accorse tra cui le decine di bamboretti che hanno “spazzolato” ogni caramella caduta al suolo, ogni liquirizia, nocciolina, cioccolata e gomma da masticare.

Alla prossima!

DSC_0155

Ciao!

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Annunci

Posted in Landslides | Leave a Comment »

Festival internazionale di Storytelling

Posted by Paolo su 3 ottobre 2015

Alla fine del mese di settembre 2015, due settimane dedicate all’interessantissima sesta edizione del Festival di Storytelling, nell’incantevole scenario del Parco Urbano dell’Appia Antica a Roma.

FestivalStorytellingMolti gli artisti provenienti da diverse parti d’Italia (Bolzano, Torino, Genova, Roma, Ragusa, ecc.) e da nazioni estere che mostro di seguito.

Artisti_stranieriEcco gli italiani!

FigureArtistiEh sì! Ci sono anch’io, molto onorato per l’invito e sicuramente divertito per i grandi spettacoli ai quali ho assistito. Alcune immagini ci aiutano a capire meglio.

OLYMPUS DIGITAL CAMERAGermana1Liguria1Seung+Martina2Torino2Seungh+MartinaSeung2

Foto0201Nei miei due spettacoli ho presentato la storia del “Gigante intelligente“, dove ho parlato del Dio Poseidone, di terremoto e di “ricostruzione”. Ecco alcune foto in compagnia di Davide Bardi che mi ha accompagnato con la sua strumentazione, veramente varia e di grande effetto!

OLYMPUS DIGITAL CAMERAOLYMPUS DIGITAL CAMERAPoi in compagnia di Paola Balbi e ancora di Davide, abbiamo rappresentato la fiaba di Basile “Lo scarrafone, lo sorece e lo grillo“, con lo stupore della platea, quando lo scarafone… fa quello che deve fare!Scarafone1Un gran divertimento! E allora per concludere una bella foto di gruppo! Alla prossima.

Gruppo

Posted in Landslides | Leave a Comment »

Favola della Botte

Posted by Paolo su 30 agosto 2015

Jonathan Swift, compose a partire dal 1697 il suo scritto dal nome : “A Tale of a Tub“, una simpatica e quanto mai realistica allegoria dei suoi tempi, perfettamente esportabile e condivisibile anche oggi a distanza di oltre 300 ANNI.

FavolaBotte

Mi sono permesso di fare un breve riassunto dalla Prima parte, che ho trovato interessante, spassosa e come già scritto… molto attuale.

Chi avrà la voglia e la pazienza di leggerla, spero ne trovi un sicuro piacimento. Buona lettura!

Favola della botte (Jonathan Swift, 1697) Prima parte

C’era una volta un uomo che aveva avuto tre figli dalla stessa moglie; essi erano nati insieme per cui non era lecito sapere chi di loro fosse il primogenito. In punto di morte il padre convocò i tre figli al capezzale per dettargli le ultime volontà.
Lui non aveva accumulato nessuna ricchezza in vita e quello che gli lasciava erano solo tre abiti, uno per ciascuno; nel testamento aveva previsto tutte le istruzioni su come indossarli e conservarli e aveva previsto una serie di sanzioni per ogni trasgressione e negligenza. Inoltre, il padre, aveva previsto che i figli vivessero insieme, come fratelli e amici; poco dopo spirò.

Una volta effettuate tutte le operazioni per un bel funerale e la dovuta sepoltura, i tre si recarono in città; qui conobbero tre dame delle quali si innamorarono. Le tre donne ricambiarono il sentimento, ma posero degli ostacoli ai loro comportamenti; la loro natura di “campagnoli” contrastava con i comportamenti da cittadini e quindi gli fecero capire, che per conquistare i loro cuori, era necessario adeguarsi.
I tre non si fecero scrupoli e ben presto divennero dei perfetti cittadini: presero a bere, a bestemmiare e a fumare; picchiavano le guardie notturne, imbrogliavano i vetturini, discutevano di salotti dove non erano mai stati, sparlavano di duchesse a cui mai avevano rivolto la parola, parlavano male delle persone in loro assenza e in loro compagnia meledicevano quelle assenti.

Accadde, in quel periodo, che una nuova setta fece capolino e ben presto prese grande considerazione nelle famiglie benestanti. Si trattava delle nuove mode da seguire in ambito di vestiario e le tre dame, posero molta attenzione a queste indicazioni, obbligando i loro tre compagni a rispettarle nella maniera più assoluta.

Fu così che si diffuse in città la moda delle spalline con fiocchi; subito i tre fratelli posero mano al testamento del padre per cercare di capire se tali indumenti fossero a loro permessi. Nel testamento non si faceva alcun cenno alle spalline infiocchettate e allora uno dei fratelli che pareva il più erudito disse che andavano cercate nelle sillabe e poi unite. Anche questa seconda prova non dette il risultato cercato; fu allora detto che le parole dovevano essere nelle singole lettere messe insieme. Con questa combinazione non fu difficile trovare S-P-A-L-L-I-N-E C-O-N F-I-O-C-C-H-I e così le stesse furono definite come Volontà del padre e i tre fratelli le poterono sfoggiare.

Dopo poche settimane, da Parigi arrivò una nuova moda, quella delle passamanerie, ovvero delle bordure che servono per decorare e rifinire gli abiti; sarebbe stato scandaloso uscire per le vie cittadine senza sfoggiare tali rifiniture, ragion per cui i fratelli si misero a rileggere il testamento del padre per cercarvi i riferimenti. Anche in questa circostanza non fu trovata traccia nel testamento scritto e allora lo stesso fratello erudito fece notare che oltre a questo esisteva anche un testamento orale, detto nuncupativo e sulla base di questo gli pareva di ricordare una circostanza; da ragazzo aveva sentito dire da un tizio che aveva sentito dire un servo che aveva udito dal loro padre, che consigliava la passameneria ai figli per decorare gli abiti. Anche gli altri due fratelli si ricordarono di quella situazione e questo sancì il ricorso alla decorazione degli abiti.

Qualche tempo dopo venne di moda una raffinata qualità di raso color fiamma e subito iniziarono le ricerche sul testamento. Fu trovato un riferimento del padre che esortava a porre attenzione ad andare a letto senza aver prima spento le candele, però quel riferimento non fu considerato valido ai fini della questione. L’erudito a quel punto si ricordò di aver letto dei testamenti in cui si allegava un codicillo che di fatto faceva parte delle volontà espresse; il fatto che il testamento del padre ne fosse sprovvisto, mostrava quindi che il documento non fosse completo, ragion per cui si provvide a ultimarlo. Fu così aggiunto un rotolino in pergamena in cui si concedeva di utilizzare tale raso color fiamma e fu quindi possibile indossarlo.

L’inverno seguente un attore molto famoso si mostrò tutto ricoperto di frange d’argento e stavolta consultando il testamento, fu trovato uno specifico riferimento che però di fatto vietava l’uso di tali accessori sui loro abiti. Dopo le dovute ricerche, l’erudito fece notare che un certo Autore utilizzava la parola “frangia” per significare “scopa”. Uno dei fratelli fece notare che però in tal caso, risultava poco accettabile a causa del termine “argentata” che seguiva, ma l’erudito gli fece notare che questo andava inteso in senso mitologico e allegorico. L’altro fratello, allora, obiettò chiedendo perchè il padre avrebbe dovuto vietare di cucire una scopa sui loro vestiti, situazione alquanto improbabile e grottesca. Qui, l’erudito zittì il fratello, dicendo che aveva un modo di parlare irriverente verso le volontà del padre e non andava indagato oltre. Tutto questo servì a pemettere d’indossare le frange argentate sui loro abiti.

Poco tempo dopo venne rilanciata una vecchia moda ormai in disuso: quella di ricamare figurine indiane di uomini, donne e bambini. Su questo argomento tutti e tre si ricordarono bene come loro padre avesse sempre aborrito una simile moda e come ne avesse scritto dimostrando la sua più completa avversione. Il problema fu superato facendo notare che le figurine a cui si riferive il padre, nel frattempo si erano mutate e non erano affatto somiglianti a quelle a cui si era fatto riferimento nel testamento. Convenirono nel giudicare che quelle clausole che il padre aveva posto, andavano esaminate con un po’ di flessibilità e una interpretazione favorevole.

Queste ultime considerazioni, portarono i tre a decidere di chiudere a chiave il testamento in una cassaforte e di riferirsi al suo contenuto, solo ogni qual volta lo ritenessero opportuno.

La successiva moda dei merletti, fu subito giudicata come Volere paterno, senza neppure consultare il testamento, e così via per altrettante situazioni.

Il fratello istruito, nel frattempo, era stato riconosciuto come uno dei maggiori studiosi nell’arte dell’interpretazione degli scritti e per questo ottenne il favore di un grande Signore che lo accolse nella sua casa per fargli da insegnante ai suoi figli.
Quando il Signore morì, l’erudito grazie all’esperienza acquisita, escogitò il modo di inventare un atto di cessione che assegnasse a se stesso e ai suoi eredi l’abitazione del Signore. Così ne entro in possesso, cacciò via i giovani figli del padrone e accolse nella stessa dimora i suoi due fratelli.

Posted in Landslides | Leave a Comment »

Caves Festival 2015 a Equi Terme

Posted by Paolo su 16 agosto 2015

Il Caves festival 2015 si è svolto in una sola giornata, con una serie di attività all’interno del Geo Park gestito da Legambiente Lunigiana. Nel pomeriggio si sono avute diverse rappresentazioni fuori e dentro le grotte, a formare un “PERCORSO DI RACCONTI“, che le molte persone partecipanti, hanno seguito con interesse e divertimento.

Spettacoli_h18_20I brevi spettacoli messi in campo, hanno visto la presenza di quattro gruppi diversi di recitanti, lettori e raccontastorie.

Il CENTRO TEATRO PONTREMOLI ci ha impegnati con l’ascolto di una delle leggende lunigianesi più intriganti: “Il Lupo Mannaro“.

DSC_0019

Pontremoli1

DSCN8660

Poi è stato il turno delle bravissime Stefania Luisi e Alessandra Rosselli della libreria “La noce a tre canti” che ci hanno intrattenuto con alcune letture molto divertenti; eccole in azione…

Noce1Noce

Elisabetta Dini, ci ha mostrato la sua interpretazione dell’elfa del “piano di sopra“; poi ci ha incantati con le sue bolle di sapone giganti.

Elisabetta1

DSCN8720

DSCN8785

Beh… poi ci sono anch’io! Baffardello delle grotte in eterna discussione con l’elfa del “piano di sopra”.

Paolo2Paolo1

DSCN8694

In conclusione, dopo una deliziosa apericena a base di delicatezze del luogo, vai con la musica popolare in grotta, giusta cornice finale dell’ottima manifestazione creata da Legambiente Lunigiana e fiabeefrane,  in particolare con l’apporto di Matteo Tollini, Francesca Malfanti e Luigi Ringozzi, in arte “Ringo“. Altri momenti della festa.

DSCN8878

DSCN8701

Equi1

Noce2DSCN8816

DSCN8666

DSCN8720

IMG_5403

DSCN8766

IMG_5396

DSC_0041

DSCN8844

DSCN8793

IMG_5437

Orso1

Le foto sono state realizzate dagli amici Matteo Tollini, Emiliano Menchetti e Stefano Castagnetti.

Grazie a tutti coloro che hanno permesso la realizzazione di questa bella festa: agli spettatori, agli artisti, agli organizzatori e in particolar modo ai volontari di Legambiente che ci hanno supportato… senza sosta.

Alla prossima. Paolo

Posted in Landslides | Leave a Comment »

Prima Festa della fiaba popolare in grotta

Posted by Paolo su 13 giugno 2015

FrontespizioPrima Edizione della Festa della Fiaba Popolare in Grotta
27/28 giugno 2015 – Equi Terme, Fivizzano (MS)

1538729_1131648276852580_3288311274681127069_n

Legambiente Lunigiana, fiabeefrane, insieme al Comune di Fivizzano e al Parco Regionale delle Alpi Apuane hanno promosso la prima Festa della Fiaba Popolare in grotta che si è tenuta ad Equi Terme (Fivizzano, MS – Parco Regionale delle Alpi Apuane) il 27 e 28 giugno 2015.
Due intense giornate di festa e rappresentazione sul tema della fiaba popolare ambientata nella suggestiva cornice di Equi Terme e del suo Geo-Archo Park delle Grotte, con la direzione artistica di Paolo Cortopassi e la partecipazione di Paola Balbi e Davide Bardi della Compagnia di Storytelling “Raccontamiunastoria” di Roma e di Giuseppe Errico di Agenzia “Arcipelago” di Napoli.

Per approfondire la loro conoscenza cliccate su Artisti_Equi2015

La prima giornata, sabato 27, è stata dedicata ai concorsi ed alle presentazioni di mostre e libri.

11168457_1131643036853104_5449671007576934260_n
Collegati alla Festa abbiamo avuto due concorsi: “Racconto la mia fiaba” concorso di recitazione di fiabe popolari e “Il Mondo fatato” concorso per l’illustrazione di fiabe popolari. Eccone alcune fasi con gli artisti premiati nelle due prove.

11138118_1131642106853197_4442537810047342304_n

La vincitrice del concorso “Il Mondo fatato”

11541917_1131642103519864_6449441896847637169_n11692793_1131642100186531_4508723642599702035_n

11008516_1131640246853383_1710881643779631528_n

L’autrice del libro per bambini sulla “marocca” di Casola.

Il vincitore nella prova delle fiabe

11666088_1131642746853133_4819709325145010630_n

1896806_1131642723519802_1231149088973503270_n11667526_1131643023519772_2064061266927405709_n10169195_1131642750186466_5055196138824067569_nGiurati al lavoroGiurati2

11659506_1131642713519803_6498802970407007411_n

La Giuria con il Vincitore

11403226_1131649543519120_1636501504467509170_n

Paola Balbi

10984620_1131649560185785_2991361523101299987_n

Giuseppe Errico

11207345_1131649346852473_2908363855875864227_n11666134_1131649323519142_2924191968892031954_n

11666184_1131649326852475_3571887209367042964_n

11667349_1131649353519139_7071030469124237003_nBimbiingrotta

11667349_1131649523519122_9197305125507815245_n

La domenica 28 la kermesse è continuata con narrazioni sceneggiate di favole per tutti i gusti e tutte le età tra il Centro Visite del Parco (mattina) e l’ambiente delle Grotte di Equi (pomeriggio) con spettacolo finale che ha visto partecipare gli artisti della Festa.

11112947_1131644443519630_8348851211420665603_n

11403043_1131644486852959_3635582322384404731_n

Davide Bardi

11403043_1131648246852583_6211367921848889661_n

La streghetta di nome Francesca

11229282_1131644503519624_249276501371633250_n

Davideesterno

11350699_1131644493519625_2422923219073161482_n

Una manifestazione suggestiva, giocosa e adatta per tutti i gusti e le età!

Altre informazioni sul sito delle Grotte di Equi

 11693975_1131649360185805_7047312869882623256_n

Di seguito il Programma delle due giornate, stampabile anche in formato pdf.

Sabato27_1 Sabato27_2

Sabato27_3

Domenica28_1

Domenica28_2

Paolo

Posted in Landslides | Leave a Comment »

Fiumi della Lunigiana

Posted by Paolo su 23 aprile 2015

IMG-20150421-WA0021Nel mese di aprile 2015 si è svolto un progetto di educazione ambientale denominato “Dalla Montagna alla pianura”, ideato dal Consorzio di Bonifica n.1 Toscana Nord, che ha coinvolto scolaresche della secondaria di primo grado di Aulla e Licciana Nardi.

Due classi di prima media che separatamente sono state associate ad altrettanti classi provenienti dal comune di Massarosa (LU), per una sorta di scambio d’informazioni ambientali.

Foto0101Il progetto si caratterizza ne l’effettuazione di lezioni in classe che precedono le uscite sul territorio; solo gli alunni che possiamo definire “autoctoni”, sono i portatori delle conoscenze del proprio territorio e nel sopraluogo effettuato con l’altra scolaresca, fungono da relatori nei confronti degli ospiti. Le visite sono effettuate in entrambi i territori (Lunigiana e Versilia), con la nascita di uno scambio proficuo che si manifesta nei contatti personali tra gli scolari che imparano fresche nozioni ambientali e stabiliscono nuovi rapporti di amicizia.

Il tema sviluppato in Lunigiana è stato dedicato all’importanza dei corsi d’acqua con nozioni base di morfologia fluviale e riferimenti ai fenomeni calamitosi, che negli ultimi sette anni hanno fortemente interessato il territorio in questione, lasciando un segno ancora ben visibile in molti luoghi.

Foto0105Accompagnati da due splendide giornate di sole di piena primavera, siamo entrati negli alvei del Torrente Aulella in loc. Pallerone per quanto riguarda il comune di Aulla, mentre per il comune di Licciana Nardi abbiamo visitato l’area dell’Anpil in loc. Terrarossa attraversata dal Fiume Magra.

Un aspetto risultato interessante da parte dei giovani scolari è stato quello delle mutazioni presenti in alveo, che nel passare di pochi anni, hanno mostrato morfologie molto differenti e derivanti appunto, dai frequenti e recenti eventi alluvionali. Di seguito le zone visitate nel confronto con fotografie reperite da Google Earth per anni diversi e da Bing Map. Prima Pallerone, evidenziando la situazione della piazza in alveo e le modifiche del corso d’acqua e poi l’Anpil di Terrarossa, con l’estesa erosione operata in sponda sx durante le alluvioni dell’anno 2009.

BingMap_Pallerone

Pallerone_2003_2011

Anpil_Terrarossa_2004_2011Altre immagini delle due giornate.

IMG-20150421-WA0012IMG-20150421-WA0019Poi… un primo e timido bagno, inatteso!

Foto0108Foto0110Ringrazio Paolo Billi dell’Università di Ferrara per avermi messo a disposizione parte dell’interessante materiale riprodotto nelle lezioni alle scolaresche,  Alessio Profetti per la sua professionale collaborazione al progetto e Giancarlo Caselli per il grande entusiasmo che mi ha trasferito.

IMG-20150421-WA0017IMG-20150421-WA0020Alla prossima!

Posted in Fiumi, Landslides | 2 Comments »

VII edizione Festival della Fiaba di Campodimele (LT)

Posted by Paolo su 30 dicembre 2014

CITTÀ DI CAMPODIMELE
AGENZIA ARCIPELAGO ONLUS
Festival della fiaba – Un paese incantato – VII Edizione 2015

Sotto l’Alto Patronato della Presidenza della Repubblica

Immagine
21 e 22 maggio 2015 – ore 10.00 – Borgo antico di Campodimele (LT)

Tutti FUORI… (e piuttosto!)
DENTRO la grande fiaba di CENERENTOLA

da una idea di Giuseppe Errico / Paolo Cortopassi

La Grande Fiaba di Cenerentola interpretata da cantastorie, disegnatori, musicanti, danzatori, burattinai e attori nel borgo antico di Campodimele

Un viaggio fiabesco in compagnia di Cenerentola, la matrigna, le sorellastre, il principe, il Re e altri personaggi da un luogo all’altro, ma anche in compagnia di fate, folletti, orchi e “bimbi sperduti”, attraversando diversi linguaggi (italiano, spagnolo e brasiliano) ma soprattutto vicoli, piazze, angoli del paese e stradine misteriose. Tutto per la gioia di gruppi di bambini, adulti e insegnanti che, non solo potranno assistere ad un unico racconto fiabesco (La Grande Fiaba di Cenerentola), ma partecipare con i loro gesti, parole, movimenti e suoni.

OLYMPUS DIGITAL CAMERAOLYMPUS DIGITAL CAMERA

IMG_0119Campodimele (LATINA)

 

Giuseppe2pubblico

 

 

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Posted in Landslides | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Premio letterario per ragazzi “Giorgio Gaber”

Posted by Paolo su 29 ottobre 2014

LocandinaFoto1Foto2

Foto3

Locandina_Giovannin

Per conoscere meglio “Giovannin senza paura“, cliccate qui

Infine un brano tratto da  “Io come Persona” di Giorgio Gaber (1993)
In un tempo tremendo piano piano ti allontani dal mondo, ma con fatica, senza arroganza, come un uomo sconfitto che riesce a vivere solo rifugiandosi nel suo piccolo mondo. Ma la salvezza personale non basta a nessuno. E la sconfitta è proprio quella di avere ancora la voglia di fare qualcosa e di sapere con chiarezza che non puoi fare niente. È lì che si muore, fuori e dentro di noi. Sei come un individuo innocuo, senza giudizi e senza idee. E se non ti si ferma il cuore è perché il cuore non ha mai avuto la pretesa di pensare. Sei come un individuo impoverito e trasportato al capolinea, un individuo sempre più smarrito e più impotente, un uomo al termine del mondo, ai confini del più niente.
Ma io ci sono, io ci sono io come persona ci sono, io come persona ci sono ancora io coi miei sentimenti ci sono, io coi miei sentimenti ci sono ancora io con la mia rabbia ci sono, io con la mia rabbia ci sono ancora io con la mia voglia di cambiare ci sono, io con la mia voglia di cambiare ci sono ancora.

Posted in Landslides | Leave a Comment »

Festival della Protezione Civile – Seconda edizione

Posted by Paolo su 4 ottobre 2014

Nell’ambito della Seconda edizione del Festival della Protezione Civile organizzato da Stefano Radice e Gabriel del Sarto,  nei giorni 1, 2 e 3 ottobre 2014 si sono svolte attività ludico didattiche presso alcune scuole primarie della Versilia.

IMG_1756

In particolare sono state interessate le scuole elementari “Tabarrani” di Camaiore, “Gasperini” di Capezzano Pianore, “Montalcini” di Lido di Camaiore, “Frediani” di Seravezza, “Rodari” di Querceta e “Lambruschini” di Viareggio; l’iniziativa ha coinvolto oltre 400 studenti delle classi terze, quarte e quinte.

IMG_1735IMG_1738

L’organizzazione è stata curata dal sottoscritto, che ha collaborato con validi operatori; per le scuole di Lido di Camaiore e per per quelle nel comune di Seravezza è stato  affiancato dal biologo Paolo Ercolini; “Percorso terremoto”, il nome dell’iniziativa effettuata nella scuola viareggina, è stata organizzata in collaborazione con i sismologi Stefano Solarino dell’INGV di Genova e Giovanna Piangiamore di quello di La Spezia. Quest’ultima attività ha permesso l’apprendimento di importanti nozioni sul terremoto, attraverso tre diversi modi: una metodologia scientifica, un gioco a squadre e un racconto fiabesco; il tutto è stato condiviso con l’attento controllo delle insegnanti delle varie classi.

IMG_1739IMG_1752

Nelle scuole del comune di Camaiore, oltre al terremoto, sono stati affrontati i temi legati al dissesto idrogeologico e al ciclo delle acque; in quelle del comune di Seravezza si è parlato della manutenzione del bosco e dell’inquinamento dei fiumi.

IMG_1741IMG_1762

Paolo.

IMG_1764IMG_1768

IMG_1759


Posted in Landslides | Leave a Comment »

Gulliver e le menzogne

Posted by Paolo su 20 settembre 2014

Jonathan Swift risulta eternamente noto per il suo racconto dal titolo “I viaggi di Gulliver”, pubblicato nel 1726, quasi trecento anni or sono.

Gulliver1

Non sono un critico e quello che vorrei rappresentare nelle poche righe che seguono, sono semplici valutazioni nate dalla lettura.

Come primo punto vorrei sottolineare l’impossibilità di definire “I Viaggi di Gulliver” un libro per ragazzi se con questo termine si vogliono comprendere individui fino a 14-16 anni. (potete leggere https://culturaperta.wordpress.com/tag/gulliver/). Badate, sono più che certo che i ragazzi minorenni sono in grado di capire il racconto, ma non trovo l’interesse di quella età per quanto scritto da Swift, o almeno non lo trovo per il tempo in cui viviamo. Se pensiamo ai primi due viaggi ed estraniamo il racconto ad alcuni particolari su Lilliput e su Brobdingnag, troviamo molte cose divertenti, come lo spegnere un fuoco con l’urina o esercitare maestrie da marinaio all’interno di un grosso contenitore di legno riempito con acqua; il resto, però, sono dialoghi, critiche ed esperienze molto interessanti, ma indicate per un lettore adulto e interessato.

Altra cosa da far risaltare sono le descrizioni che i vari abitanti dei luoghi visitati danno del proprio popolo o della terra in cui vivono. I dialoghi di Gulliver, spiegano moltissime situazioni che ancora oggi si ritrovano nei vari aspetti comportamentali di molte persone o generi; le numerose descrizioni sui modi di fare politica, sulle cattiverie e sulle menzogne, paiono più che mai attuali e lasciano riflettere su molti aspetti. Swift, certamente generalizza al massimo, etichettando tutti coloro che intraprendono la carriera politica, come propensi ad adottare quelle pessime caratteristiche che l’autore spiega nei minimi particolari; credo o forse “spero” che la realtà delle cose sia un po’ diversa e che vi potessero essere spazi, anche allora per vere e genuine valutazioni. Risulta però molto facile lasciarsi prendere dagli scritti di questo irlandese misantropo e se non completamente trasformati nei pensieri, certo vi è da dire che la sua lettura lascia un segno ben deciso, una traccia nel nostro pensiero che non ci può rendere indifferenti al problema.

gulliver2

Per quelllo che ho scritto fino a questo punto, vale la pena di leggere anche alcuni suoi articoli pubblicati sulla rivista “The Examiner” tra il 1710 e il 1713; di seguito riporto un piccolo estratto da una sorta di Trattato sulla menzogna politica che Swift o il suo amico e collega John Arbuthnot o tutti e due insieme, scrissero sulla rivista menzionata. Si parla in questo caso delle varie definizioni date alla MENZOGNA e sono convinto che valgano la pena di esser lette.

Menzogna politica: l’arte di convincere la gente della salubrità del falso per qualche buon fine.
Essa si suddivide in tre tipi:
Menzogna addittiva: attribuisce alla persona una reputazione di gran lunga superiore a quello che gli spetta allo scopo di perseguire un buon fine.
Menzogna detrattiva: la m. detrattiva o diffamatoria, sottrae a un grand’uomo la reputazione che gli spetta di diritto per timore che la utilizzi a danno del pubblico.
Menzogna traslatoria: trasferisce il merito (demerito) di una buona (cattiva) azione su altra persona, e tutto questo per il bene del popolo.

L’articolo porta altri innumerevoli spunti particolareggiati sulle menzogne, concludendo con la seguente domanda: “Per contraddire una menzogna è meglio la verità o un’altra menzogna?”. La conclusione ci dice che il metodo migliore per contraddire una menzogna, sia… un’altra menzogna.

 

Posted in Landslides | Leave a Comment »

 
Omnologos

Where no topic is left unturned

Fiabe e Frane

Le Fiabe per tutti

Angeli di San Giuliano

Il Premio Fiabe