Fiabe e Frane

Le Fiabe per tutti

  • Fiabe e frane

    CIAO! Questo è il mio BLOG
    Mi chiamo Paolo Cortopassi e sono un geologo dal 1991. Lavoro nell'Alta Toscana nei settori del dissesto idrogeologico (frane) e della prevenzione sismica sugli edifici (terremoto).

    Dal 2004 ho iniziato a sviluppare la mia grande passione per le fiabe , che scrivo e rappresento in spettacoli musicali per bambini.

    Le mie storie parlano di animali, bambini, piante, naturalità dei luoghi, ma anche di situazioni difficili dovute al movimento di frane, alla forza delle inondazioni, al tremore dei terremoti...

    Con questo spazio voglio condividere i miei interessi con chiunque possa esserne interessato. Ciao.

    Qui sono con la mia famiglia a Londra.
    Londra 2007

  • Calendario

    agosto: 2017
    L M M G V S D
    « Lug    
     123456
    78910111213
    14151617181920
    21222324252627
    28293031  
  • pagine nel blog

  • Alpi Apuane


    tramonto Apuane da Mulazzo
  • Articoli e Pagine più viste

  • Singoli Visitatori da gennaio 2017

  • Da marzo 2009

    • 50,124 pagine visitate

Geologia

Ora, per capire se questa materia vi suscita interesse, vi mostro una carta geologica di pianura, semplice e di facile comprensione.
Siamo in Versilia (Toscana) e quello che vedete sono la rappresentazione dei terreni che affiorano sulla superficie, sul piano che noi capestiamo con i piedi; questo tipo di rappresentazione si chiama, appunto, Carta Geologica. Ad essa è legata una semplice legenda, ovvero una piccola descrizione di alcune parti comprese nella carta; facciamo, quindi, una piccola descrizione.

Le SABBIE MARINE sono terreni (sono… sabbie che penso conosciate tutti) portati dalle correnti marine, grazie alla spinta dei venti verso costa; le LAME sono terreni che si sono depositati nelle parti più depresse della superficie del suolo e sono composti da terreni fini quali i limi e le argille. Il loro deposito è avvenuto grazie alla presenza di stagni, ora completamente prosciugati dall’uomo, dove le piccole particelle di terreno in sospensione sulle acque, hanno potuto precipitare sul fondo, grazie alla calma di quegli specchi d’acqua.
Infine troviamo le ALLUVIONI che altro non sono che quelle terre portate dai fiumi e dai torrenti che scendono dalle colline; in questa situazione avremo sia terreni granulari che fini, a seconda della forza di trasporto dei fiumi che li hanno depositati.

Questo è il primo assaggio di Geologia.

Che ne dite?

VERSILIA (LU)

VERSILIA (LU)

TORNARE ALLA HOME



Siamo a Fiumalbo, in provincia di Modena e quello che vi mostro nella foto sottostante, grazie all’aiuto di Luca è un contatto, ovvero la sovrapposizione di due livelli geologici distinti. Qui abbiamo in alto l’ arenaria, che altro non è che sabbia cementata; questa si trova sopra un livello chiamato siltite che è un materiale formato da granelli che oscillano tra le dimesioni di quelli di una sabbia e di una argilla. Quindi una roccia con granuli più piccoli di quelli che si trovano nella sabbia, ma più grandi di quelli di un’argilla. Tanto per intendersi, l’occhio umano non è in grado di distinguere granuli più piccoli di quelli di una sabbia. E allora come faccio a sapere quello che vi ho detto? Beh… esiste anche il microscopio e poi altri meccanismi che permettono di verificare le dimensioni dei granuli. Ovviamente non li ho valutati in posto, ma conosco la geologia della zona e riconosco a “memoria” molti tipi di rocce (sennò che geologo sono!). Dunque, riprendiamo il discorso; sotto la siltite troviamo l’ argillite, che è un’argilla diventate roccia. Questo processo, così come per la sabbia che diventa arenaria e per la siltite, è un fenomeno che trova il nome di diagenesi e potete trovare una piccola spiegazione nel glossario.

Fiumalbo1

Ecco Luca che ci fa notare le differenze tra un’arenaria e un’argillite. Abbiamo, innanzi tutto un colore diverso (grigio per l’arenaria e verde/rosso per l’argillite). Poi c’è una differenza al tatto (che voi, ora non potete certo notare); l’arenaria è granulosa mentre l’argillite è liscia. Infine l’aspetto, che mostra l’argillite molto fragile e irregolare, mentre l’arenaria più compatta e dura. Ora provate voi, durante le vostre gite in montagna, a “catalogare” queste due rocce; vedrete che dopo averle viste più di una volta saprete riconoscerle molto più rapidamente.

geologia2
Siamo a Giaredo, nel comune di Zeri (MS) e quelle rocce che si trovano nel fiume sono argilliti; qui l’aspetto è più compatto e regolare, ma i colori sono gli stessi. Questo non vuol dire che tutte le argilliti sono rosse e verdi; però queste in particolare, anche se non appartengono alla stessa serie hanno comunque medesime tonalità di colori.

giaredo
Qui siamo ad Adelano (Zeri) e siamo di fronte ad… una vera confusione. Come potete notare i livelli che compongono la roccia sono tutti piegati e “sfilacciati”. In questo caso grandi forze hanno contribuito per questo aspetto caratteristico. Le argilliti in questione, sono quindi state piegate dai movimenti che dal profondo della Terra sono stati trasmessi fino alla sua parte più superficiale (Crosta).

TORNARE ALLA HOME

2 Risposte to “Geologia”

  1. Fabio said

    Deve sapere che ho apprezzato molto questa specie di introduzione molto light alla sua materia con foto e spiegazioni per un autentico dummie come me – nello specifico poi cercavo proprio la “differenza tra arenaria ed argilla” – peccato così breve… però mi rincuora sapere che (a parte l’esperienza acquisita sul campo) ad occhio nudo non ci sia modo di distinguerle, nemmeno dal colore. Arenite, siltite, argillite, argilloscisto, marna argillosa, argilla marnosa, scaglia bianca, scaglia rossa: vivendo a Bologna mi sento un perfetto idiota, camminando nei calanchi senza sapere su cosa poso i piedi. Mi piacerebbe un corso esclusivamente dedicato alle rocce sedimentarie. Saluti e grazie.

    • Paolo said

      Grazie Fabio per il tuo prezioso commento. Un piccolo aiuto per distinguere il contenuto di calcare nelle cosidette marne, potrebbe arrivare dalla reazione con HCl (diluito al 10%) che puoi trovare nei supermercati sotto la dizione “acido muriatico”; versane poche gocce con apposito contatore sulla roccia, dopo averla pulita e osserva. La maggiore o minore reazione è significativa della presenza di più o meno calcare e, quindi, con l’esperienza puoi capire se si tratta di calcare marnoso, di argilla marnosa e così via per approfondire; se non reagisce è un’altra buona informazione argillite pura o debolmente marnosa). Un caro saluto. Paolo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
Omnologos

Where no topic is left unturned

Fiabe e Frane

Le Fiabe per tutti

Angeli di San Giuliano

Il Premio Fiabe

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: